Italia Yachts cresce con i “patiti” della vela

Messaggero Veneto – Christian Benna – 20 Giugno 2017

A Franco Corazza piace navigare controvento. Da velista di razza qual è, sa bene che le crisi, proprio come il vento che soffia contro, non vanno prese di petto. Bisogna invece orientare le vele secondo un profilo “alare” sfruttando la forza della portanza della barca. Nasce così, nel 2011, Italia Yachts nel bel mezzo della crisi economico e finanziaria che ha fatto naufragare un bel pezzo del tessuto produttivo della nautica italiana. Mettersi a bordo con quel mare, era un’impresa da pazzi, ma di quelle che affascinano i velisti di rango. Tant’è che in banchina, tra una ciacola e l’altra, tre amici del Nordest, i chioggiotti Eleno Baruffaldi (costruttore storico di derive e piccole imbarcazioni), Franco Corazza, manager e velista, e l’udinese Maurizio Cossutti (progettista) decidono di lannciarsi in un’avventura e prendere il largo costituendo un cantiere di barche a vela.

C’è anche San Giorgio di Nogaro
«Oggi ci sono poche barche a vela vere. Ci sono tante barche “con vela”, il che è molto diverso», dice Franco Corazza. «Noi siamo andati controvento proponendo un prodotto di altissima qualità nei materiali, nel design e nella progettazioni, prodotti pensati per chi ama davvero confrontarsi con il mare e la vela. Abbiamo perciò raccolto una mancanza di prodotto in questo segmento di mercato utilizzando metodi di costruzione della tradizione ma attualizzati secondo moderne tecnologia». Il viaggio controcorrente di Italia Yachts ha preso la forma del nuovo cantiere di San Giorgio di Nogaro, aperto qualche mese fa per riuscire a stare dietro agli ordini che adesso arrivano da mezzo mondo, uno stabilimento che porta la capacità produttiva di Italia Yachts a 40 barche l’anno. «Oggi siamo presenti in 12 paesi, abbiamo 18 dipendenti a Chioggia e altrettanti nel nuovo cantiere».  Se gli si chiede se il Made in Italy è la forza del suo brand Franco Corazza sorride. «Il made in Italy non basta più. Il nostro infatti è un “Total Italy”. Il nostro mercato è composto da appassionati che hanno grande esperienza di barche a vele. Dobbiamo quindi offrire valori reali in termine di prestazioni e di comfort. Ogni elemento della barca è pensato, progettato e prodotto in Italia».
Così fioccano ordini dal Cile, Germania, Ecuador, Estonia, Australia, Francia, Stati Uniti. «Negli Usa intendiamo aprire uffici per essere più presenti in questo mercato.

«L’Italia rappresenta ancora il 65% del nostro fatturato che è pari a circa 5 milioni di euro. Continuiamo a crescere anche grazie alla comunicazione. Il passaparola è il nostro vero valore aggiunto. Ma è sul digitale che stiamo investendo per farci conoscere anche in paesi lontani». Nelle scorse settimane, il cantiere di Chioggia ha operato un aumento di capitale tramite l’ingresso nella compagine societaria di un quarto socio, una società immobiliare di cui è amministratore Susanna Vitulano che ora compare tra gli azionisti di Italia Yachts insieme a Franco Corazza, Marco Schiavuta e Cesare Casoria. «Siamo cresciuti molto in questi anni», precisa Franco Corazza, «abbiamo realizzato 5 modelli diversi e uno stabilimento nuovo. Ora è il momento di ricapitalizzare per trovare le risorse e le energia per affrontare le prossime sfide».

Altri due modelli in vista
Entro il 2018 Italia Yachts ha in programma il lancio di altri due modelli, oltre ai cinque già in commercio, l’ultimo dei quali varato per la prima volta proprio a maggio di quest’anno. Il concept iniziale di ogni barca viene
seguito da Franco Corazza e Marco Schiavuta che sviluppano passo dopo passo la loro vision assieme ai progettisti, dando forma alle varie parti della barca e modificandone ogni particolare, dalla carta ai modelli in legno per poi giungere agli stampi a controllo numerico e alle stampate finali. Il capo del design Matteo Polli si occupa invece dello sviluppo del progetto e del coordinamento dei vari professionisti che si alternano nelle varie fasi: architetti, ingegneri navali, strutturisti, responsabili della falegnameria. La filosofia degli Italia Yachts rispecchia la filosofia di vita di chi partecipa al progetto e allo sviluppo delle barche. E la squadra dell’azienda è composta da un team di marinai esperti e velisti professionisti, con partecipazioni in Coppa America, Admiral’s Cup e nelle principali regate a livello mondiale, ma anche tutti appassionati di mare e di crociera.

Scarica l’articolo del Messaggero Veneto

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn